La tomba

  • Posted on febbraio 6, 2015 at 15:38

Non restare davanti alla mia tomba a piangere, io non sono là, non dormo

sono i mille venti che soffiano

sono i mille venti che soffiano

Ora sono i mille venti che soffiano.

Sono i riflessi scintillanti sulla neve.

Sono la luce del sole che fa maturare il grano.

Sono la dolce pioggia dell’autunno

Quando ti svegli nella pace del mattino,

sono il rapido movimento degli uccelli che volteggiano in cerchio nel cielo.

Sono le dolci stelle che brillano nella notte.

Non restare davanti alla mia tomba a piangere;

io non sono là, sono dappertutto, vivo.

Mary Elisabeth Frye

________________________________________________________________________________

Questi bellissimi versi, riescono ad esprimere ciò che penso delle tombe e dei cimiteri.

Ugo Foscolo, nei Sepolcri, asseriva quanto fosse importante per chi resta avere un luogo ove piangere il proprio caro, sapere che il corpo si trovava in un determinato punto, che là si poteva portare un fiore.

Gli induisti, come molte religioni asiatiche, hanno il culto della cremazione così che il fuoco purifichi l’anima del defunto e questo si possa congiungere con l’aldilà .

Il cimitero ha però una doppia “consolazione”: per il futuro defunto che in vita sa di andare a finire in quel preciso punto del cimitero quando sarà  la sua ora; per chi resta poichè, occupandosi della tomba, è un po’ come se si prendesse cura di ormai non c’è più.

Mi fanno sorridere le persone che dicono “vado al cimitero a trovare mio…. ”

E’ mancata una persona a me vicina già  da qualche anno e io vado raramente al cimitero (solitamente per passeggiare in un luogo tranquillo) ma non per questo manco di pensarla e quando mi va di ritrovarla, prendo le vecchie foto e magari con una lacrima che solca la guancia ripenso ai momenti passati insieme. Tutto ciò che penso in quei momenti è “GRAZIE” si, grazie di aver condiviso il tuo cammino con il mio!

I cimiteri sono di fatto dei luoghi tranquilli dove si respira una ventata di eternità , la cosa importante sulla quale ho voluto focalizzare l’attenzione è che la persona non è là, in quel luogo è solamente rimasto il corpo fisico, lo spirito con tutto il suo vissuto è altrove….

Tu cosa ne pensi di quanto scritto? Condividi il pensiero della poetessa?

Aspetto i tuoi commenti nel box qui sotto,

Un abbraccio, Vanessa

 

2 Comments on La tomba

  1. tania petriglia scrive:

    mi piace molto questa poesia…. condivido…la morte è vita non fine…è l inizio di una rinascita oltre e di più…tutti considerano la tomba più dei bellissimi ricordi,avuti con la persona….la vita è tutto cio che hai descritto in queste rime sincere e vere,un abbraccio……………tania

Lascia un commento